Brucella canis: una preoccupazione per gli allevatori cinofili, ma non solo

Brucella canis: una preoccupazione per gli allevatori cinofili, ma non solo

Problemi riproduttivi, prostatite, dermatite e atrofia scrotale, ma anche disco-spondiliti e uveiti possono suggerire la diagnosi di Brucella canis nel cane

Brucella canis è conosciuta dal 1966 ed è correlata altre specie di Brucella più note e più pericolose per l’uomo.

In condizioni naturali solo i canidi domestici e selvatici sono serbatoio dell’infezione, che si trasmette per contatto diretto con le mucose genitali, oronasali e congiuntivali. I fluidi vaginali, lo sperma, gli invogli fetali e i liquidi associati al parto/aborto sono i mezzi di contagio principali, ma anche le urine, il latte, la saliva e le feci possono essere infettanti.

Quando sospettare l’infezione

Clinicamente nel cane si evidenziano soprattutto problemi riproduttivi. Nella femmina si possono osservare aborto, nati-mortalità, endometriti; nel maschio, anomalie spermatiche, epididimite, orchite con edema e dermatite scrotale.

Un’atrofia scrotale, mono- o bilaterale, può manifestarsi in caso d’infezione cronica.  Più raramente possono comparire prostatiti, uveiti, disco-spondiliti, linfoadenite retrofaringea (in caso d’infezione per via orale), iliaca o inguinale (via vaginale) o anche generalizzata.

I cuccioli possono infettarsi per via verticale in utero, durante il parto o l’allattamento e possono restare batteriemici in modo intermittente per anni.

Altre potenziali fonti d’infezione sono la via iatrogena (siringhe contaminate) e le trasfusioni di sangue. Per questo motivo lo screening sierologico per B.canis è citato nelle linee guida del Ministero della Salute “Esercizio delle attività sanitarie riguardanti la medicina trasfusionale in campo veterinario”.

Alcune foto interessanti di cani infetti da B.canis possono essere visionate su questi siti web: Vetnext, CrianzacaninaThe Center for Food Security and Public Health.

Terapia

È generalmente consigliabile l’associazione di due principi attivi (es. doxiciclina + amminoglicoside), ma non sempre si giunge a completa guarigione. La castrazione è consigliata, ma anch’essa non garantisce la sterilizzazione eziologica.

Solo ripetuti controlli sierologici associati a emocoltura o PCR possono attestare l’efficacia dei trattamenti.

Aspetti zoonosici

L’epidemiologia dell’infezione da B.canis nell’uomo è poco conosciuta e probabilmente la malattia è poco diagnosticata a causa della sintomatologia aspecifica.

I casi documentati (una cinquantina a partire dal 1973, secondo il CDC), fanno pensare a un problema piuttosto contenuto, anche se esistono rare segnalazioni di sintomatologie cliniche anche gravi.

L’infezione umana può essere anche asintomatica.

Diagnosi

La diagnosi dovrebbe essere affidata a una combinazione di tecniche diverse.

La diagnosi sierologica più accreditata, valida anche per l’espatrio in alcuni paesi B.canis-free quali Australia e Nuova Zelanda, è il test di agglutinazione, che può essere rapida (RSAT) o lenta (tube agglutination test – TAT). Esiste il rischio di rilevare false positività, per cui si consiglia l’esecuzione di un test di screening seguito da una prova di conferma dopo trattamento con 2-mercaptoetanolo (2-ME).

Un’ulteriore conferma diagnostica prevede l’emocoltura o l’esame colturale da tessuto, che necessita di lunghi tempi di esecuzione e di adeguate misure di biocontenimento, e la PCR. Entrambi i metodi di ricerca diretta non offrono una sensibilità diagnostica ottimale a causa dell’escrezione intermittente di B.canis da parte dell’ospite.

B.canis in Italia

La prevalenza dell’infezione canina in Italia non è ben conosciuta, anche se esistono casi clinici ben documentati. Negli USA è stimata una prevalenza dell’1-8%, mentre in America Centrale e nel Sud America si stimano prevalenze fino al 30%, probabilmente a causa della più frequente presenza di cani vaganti.

Approfondimenti

Autore: Alda Natale

Veterinario dirigente, lavora nel Laboratorio di sierologia e malattie pianificate presso la SCT3 – Padova e Adria dell’IZSVe, dove si occupa di diagnosi sierologica e virologica delle malattie infettive dei mammiferi e zoonosi, attività di ricerca in ambito zoonosi e sanità animale, analisi per i piani di profilassi nazionali e regionali. Da sempre appassionata di comportamento animale, nel 2014 ha conseguito il titolo di referee in Consulente della relazione felina ed è iscritta al relativo albo SIUA.

Commenta l'articolo

Il commento sarà approvato da un moderatore della Redazione prima di apparire nel sito. La tua e-mail non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

Attenzione! IZSVe Pets è un portale rivolto ai medici veterinari professionisti che pubblica contenuti e ospita discussioni di carattere scientifico e clinico nell’ambito della veterinaria degli animali da compagnia.

Se sei un cittadino e vuoi ricevere informazioni e consigli sulla cura del tuo animale domestico ti consigliamo di rivolgerti al tuo veterinario di fiducia!

La policy completa con cui viene gestito il sito è consultabile all’indirizzo: http://www.izsvepets.it/policy/