Ebola interessa anche gli animali da compagnia?

Ebola interessa anche gli animali da compagnia?

In questi giorni il virus Ebola è tristemente alla ribalta. Oltre ai primi casi umani in Europa e negli USA, è emerso il problema degli animali da compagnia.

Il caso dell’infermiera spagnola contagiata – e ora guarita – in ospedale a Madrid ha avuto come conseguenza l’eutanasia del suo cane Excalibur. Per il cane dell’infermiera di Dallas, invece, l’approccio è stato più favorevole: pare che il suo King Charles Spaniel sia stato trasferito nell’ex base aerea di Hensley Field dove lo tengono sotto controllo. La diffusione del virus è preoccupante, ma è da tenere presente che il virus non si trasmette per via aerogena ma solo per contatto diretto, perciò, pur nella sua estrema pericolosità, è contenibile.

Quali sono i dati scientifici disponibili? Ad oggi si fa riferimento principalmente ad un articolo del 2005, disponibile sul web.

L’articolo raccoglie evidenze sullo sviluppo di anticorpi anti-Ebola nel cane e sull’assenza di segni clinici evidenti, ma non porta dati a sostegno della possibilità che il cane possa costituire un serbatoio di infezione.

Anche la WSAVA (World Small Animal Veterinary Association ) si è espressa a riguardo, raccogliendo i dati scientifici ad oggi disponibili e anche le comunicazioni dei mass media: http://www.wsava.org/article/ebola-and-dogs

Assenti le informazioni sul gatto.

E’ importante approfondire le indagini virologiche in caso di sospetto contagio, così come stanno facendo ora negli USA. Si potrebbe scoprire, come ci auguriamo, che l’escrezione del virus non sia rilevabile e che il rischio epidemiologico sia assente. Teniamo le orecchie dritte!

Per approfondimenti

Autore: Alda Natale

Veterinario dirigente, lavora nel Laboratorio di sierologia e malattie pianificate presso la SCT3 – Padova e Adria dell’IZSVe, dove si occupa di diagnosi sierologica e virologica delle malattie infettive dei mammiferi e zoonosi, attività di ricerca in ambito zoonosi e sanità animale, analisi per i piani di profilassi nazionali e regionali. Da sempre appassionata di comportamento animale, nel 2014 ha conseguito il titolo di referee in Consulente della relazione felina ed è iscritta al relativo albo SIUA.

Commenta l'articolo

Il commento sarà approvato da un moderatore della Redazione prima di apparire nel sito. La tua e-mail non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

Attenzione! IZSVe Pets è un portale rivolto ai medici veterinari professionisti che pubblica contenuti e ospita discussioni di carattere scientifico e clinico nell’ambito della veterinaria degli animali da compagnia.

Se sei un cittadino e vuoi ricevere informazioni e consigli sulla cura del tuo animale domestico ti consigliamo di rivolgerti al tuo veterinario di fiducia!

La policy completa con cui viene gestito il sito è consultabile all’indirizzo: http://www.izsvepets.it/policy/