Infezione da circovirus nei pappagalli

Infezione da circovirus nei pappagalli

Il circovirus è il responsabile della Malattia del becco e delle penne degli Psittacidi (Psittacine Beak and Feather Disease, PBFD), malattia immunodepressiva caratterizzata dalla comparsa di anomalie del piumaggio e del becco.

All’infezione sono suscettibili diverse specie di pappagalli di piccole e grandi dimensioni. Oltre i pappagalli possano infettarsi altri uccelli da voliera come il canarino, il Diamante di Gould, il piccione, la tortora senegalese.

I segni clinici

Il quadro tipico della Malattia del becco e delle penne si è osservato fin ora solo negli psittacidi, mentre nelle altre specie non è ancora ben definito. Nei pappagalli, si osserva:

  • distrofia delle penne, che appaiono deformate, con ritenzione della guaina cheratinica e con piccole emorragie alla base.
  • becco deviato, con allungamenti anomali e fenomeni necrotici di gravità variabile.
PBFD Circovirus Cacatua

Distrofia delle penne e becco deviato con allungamenti anomali sono segni tipi della PBFD causata dal circovirus. Fonte immagine: SB / Wikipedia

Le alterazioni del becco in alcuni casi possono rendere molto difficoltosa l’assunzione del cibo, tanto da indurre ad eseguire l’eutanasia del soggetto malato. Nei cacatua una carenza di polvere del piumaggio può far assumere al becco un colorito nero lucido.

In alcuni casi le alterazioni del piumaggio e del becco sono poco evidenti, ma i soggetti infetti presentano un’anamnesi di patologie ricorrenti insorte a causa di indebolimento delle difese immunitarie, che nella maggior parte dei casi porta a morte il soggetto infetto nel giro di 3-5 anni.

È possibile osservare lesioni nel timo e nella borsa di Fabrizio, soprattutto negli animali giovani. In questi soggetti gli organi linfatici sono in pieno sviluppo ed il virus, che ha uno spiccato tropismo per questi tessuti, replica attivamente compromettendo in maniera più seria la risposta immunitaria e portando a quadri morbosi con un elevato tasso di mortalità.

In questi casi la sintomatologia può essere aspecifica e caratterizzata da:

  • arruffamento delle penne;
  • riluttanza al movimento;
  • ridotta assunzione di alimento;
  • feci di consistenza alterata.

La diagnosi

La diagnosi clinica si basa sulle caratteristiche alterazioni del piumaggio e del becco (quando presenti).

Gli esami ematochimici possono portare al riscontro di leucocitosi, eterofilia ed elevati livelli di LDH e CK.

L’esame bioptico dei follicoli delle penne consente di rilevare la presenza di inclusioni citoplasmatiche di dimensioni diverse nei macrofagi. Nei calami si evidenziano macrofagi, cellule giganti plurinucleate aumento del numero dei melanociti ed essudato sieroso o siero-emolitico. In alcuni casi si possono osservare nelle cellule epiteliali ed epatiche corpi inclusi intranucleari eosinofili.

PBFD Circovirus pappagallo

Non esiste un vaccino in grado di prevenire l’infezione da circovirus. L’unica arma di prevenzione è rappresentata dalla rigida applicazione delle norme di biosicurezza in allevamento. Fonte immagine: Old Wombat / Wikipedia

Attualmente l’esame diagnostico più in uso è la PCR specifica per il circovirus della PBFD su sangue intero, penne, tamponi cloacali e feci.

La scelta del campione da utilizzare è di estrema importanza per una corretta diagnosi. Le penne rappresentano il campione migliore ai fini diagnostici sia in caso di evidenti alterazioni del piumaggio sia in loro assenza, in considerazione del fatto che la localizzazione del virus a livello dei follicoli delle penne è sempre molto elevata. Inoltre le penne rappresentano un campione che può essere prelevato con molta facilità senza la necessità di ricorrere a prelievi ematici sicuramente più stressanti per l’animale.

Le feci per contro rappresentano dei campioni meno attendibili, sia perché l’eliminazione per via intestinale è incostante e meno cospicua, sia perché spesso sono presenti degli inibitori aspecifici della PCR che possono dare più frequentemente falsi negativi.

I soggetti asintomatici risultati positivi la prima volta vanno ritestati dopo circa tre mesi. Se positivi anche al secondo test sono da considerare dei portatori sani.

Cura e prevenzione

Ad oggi non esiste un vaccino in grado di prevenire l’infezione da circovirus. L’unica arma di prevenzione è rappresentata dalla rigida applicazione delle norme di biosicurezza in allevamento. Questa si basa su due misure:

  • la profilassi igienico-sanitaria
  • la quarantena e il controllo dei soggetti di nuova introduzione, soprattutto se destinati alla riproduzione.

In tal senso il controllo delle penne rappresenta un metodo semplice ed efficace per identificare i soggetti infetti.

Autore: Calogero Terregino

Veterinario dirigente, è responsabile del Laboratorio di virologia speciale – SCS6 Virologia speciale e sperimentazione, Centro di referenza nazionale OIE/FAO per l’influenza aviaria e la malattia di Newcastle, dove si occupa della diagnosi dell’influenza aviaria, della malattia di Newcastle e di altre malattie virali del pollame, degli equidi, degli uccelli selvatici e dei volatili ornamentali. Ha conseguito la laurea in Medicina veterinaria presso l’Università di Bologna nel 1996, e il Dottorato di ricerca in patologia dei volatili, del coniglio e della selvaggina, nel 1999. Nel 2003 ha ottenuto il Diploma di specializzazione in Tecnologia e patologia della specie avicole, coniglio e della selvaggina presso l’Università di Milano. È autore e coautore di oltre 200 pubblicazioni.

Commenta l'articolo

Il commento sarà approvato da un moderatore della Redazione prima di apparire nel sito. La tua e-mail non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

Attenzione! IZSVe Pets è un portale rivolto ai medici veterinari professionisti che pubblica contenuti e ospita discussioni di carattere scientifico e clinico nell’ambito della veterinaria degli animali da compagnia.

Se sei un cittadino e vuoi ricevere informazioni e consigli sulla cura del tuo animale domestico ti consigliamo di rivolgerti al tuo veterinario di fiducia!

La policy completa con cui viene gestito il sito è consultabile all’indirizzo: http://www.izsvepets.it/policy/