Infezione da Cytauxzoon nel gatto

Infezione da Cytauxzoon nel gatto

Cytauxzoon felis è un protozoo responsabile della cytauxzoonosi, un’infezione trasmessa da zecche che colpisce i felini selvatici e domestici.

È stato descritto e studiato principalmente negli Stati Uniti dove, quando infetta il gatto (ospite definitivo), provoca una malattia acuta, grave e fatale. Meno frequentemente sono stati segnalati soggetti sopravvissuti all’infezione e/o con parassitemie subcliniche.

Gatto

Infezioni da Cytauxzoon sono state osservate a Trieste e nel Centro Italia.

Nei felini selvatici, e in particolare nella lince americana (reservoir naturale), l’infezione è caratterizzata da una parassitemia persistente in assenza di segni clinici, e più raramente da una forma acuta e fatale.

Nella lince iberica e nel gatto in Spagna e Francia sono state riportate sporadiche segnalazioni di infezioni sostenute da un’altra specie di Cytauxzoon per ora segnalata come Cytauxzoon spp.

E in Italia?

Nel 2012, a Trieste, è stato individuato e descritto il primo focolaio  d’infezione da Cytauxzoon spp. nel gatto domestico (prevalenza del 23%) in ItaliaSuccessivamente sono stati osservati alcuni casi d’infezione anche nel Centro Italia.

Dal punto di vista molecolare il protozoo presente nel nostro territorio è sovrapponibile agli altri descritti in Europa e diverso rispetto a quello americano (C. felis).

Come si presenta l’infezione?

La diversità del “nostro” Cytauxzoon rispetto a quello americano si manifesta anche dal punto di vista clinico: nel gatto infatti, Cytauxzoon spp. sembra essere molto meno patogeno.

Più spesso i soggetti infetti presentano parassitemia in assenza di sintomi (andamento subclinico e cronico) e soprattutto di anemia, comunemente rilevata nei casi di cytauxzoonosi conclamata da C. felis.

Qual è la tipologia di gatto più suscettibile all’infezione?

In pratica tutti i gatti possono infettarsi, ma sono esposti soprattutto quelli che hanno frequenti contatti con l’ambiente esterno (in particolare se vicino ad aree boschive) e, di conseguenza, con le zecche, i vettori dell’infezione.

Protozoo Cytauxzoon gatto

Cytauxzoon negli eritociti di un gatto (Carli et al., 2012).

Attenzione, quindi, ai soggetti che vivono nelle zone in cui è già stata descritta la presenza del parassita, senza dimenticare però che, essendo emergente, deve essere considerato anche nelle zone in cui ancora non è ancora stato segnalato.

Come si diagnostica?

Un primo passo da fare è valutare uno striscio di sangue per cercare i protozoi in sede intraeritrocitaria.

Si tratta di piccoli piroplasmi da rotondeggianti a ovali, di 0.5-0.8 μm, spesso singoli e talvolta appaiati. Considerando però che morfologicamente Cytauxzoon spp. non è distinguibile da altri piroplasmi (Babesia sp. e Theileria sp.) e che le parassitemie spesso sono di lieve entità, la PCR su un campione di sangue intero in K3EDTA è sicuramente la metodica d’elezione.

Per qualsiasi domanda, dubbio o nel caso abbiate un paziente in cui sospettate la presenza di Cytauxzoon spp. non esitate a contattarci. Saremo ben lieti di supportarvi nell’iter diagnostico e clinico.

Per approfondire

Autore: Erika Carli

Veterinario borsista, ha lavorato dal 2013 al 2016 nel Laboratorio di istopatologia – SCS3 Diagnostica specialistica, istopatologia e parassitologia dell'IZSVe, dove si è occupata di ematologia, malattie trasmesse da vettori e medicina trasfusionale. Ha conseguito la laurea e il Dottorato di ricerca in parassitologia nel 2014 presso l’Università di Padova.

Commenta l'articolo

Il commento sarà approvato da un moderatore della Redazione prima di apparire nel sito. La tua e-mail non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

Attenzione! IZSVe Pets è un portale rivolto ai medici veterinari professionisti che pubblica contenuti e ospita discussioni di carattere scientifico e clinico nell’ambito della veterinaria degli animali da compagnia.

Se sei un cittadino e vuoi ricevere informazioni e consigli sulla cura del tuo animale domestico ti consigliamo di rivolgerti al tuo veterinario di fiducia!

La policy completa con cui viene gestito il sito è consultabile all’indirizzo: http://www.izsvepets.it/policy/