Alabama rot nel cane: una malattia fatale di cui si sa poco, ma di cui dovremmo parlare

Alabama rot nel cane

Si chiama Alabama rot ed è il nome colloquiale di una patologia idiopatica del cane denominata in inglese cutaneous and renal glomerular vasculopathy (CRGV), caratterizzata da una vasculopatia che interessa la cute (principalmente le estremità) ed il rene (in particolare il glomerulo renale).

La letalità è estremamente elevata e a decorso acuto, con morte del paziente nel giro di 3-4 giorni.

L’Alabama rot è stata descritta per la prima volta negli Stati Uniti negli anni ’80 in Alabama, primariamente in cani di razza greyhound.

Al di fuori degli Stati Uniti e fino a pochi anni fa erano stati segnalati solo alcuni casi sporadici di malattia. Dal 2012 ad oggi, in diverse aree della Gran Bretagna, sono stati descritti circa 30 casi confermati in almeno 15 razze canine diverse dal greyhound.

Eziologia e segni clinici dell’Alabama rot

L’ eziologia dell’Alabama rot rimane ancora sconosciuta. La maggior parte dei 30 casi clinici sono stati portati dal veterinario a causa di presenza di lesioni cutanee, mentre altri per segni clinici di malessere generale quali stanchezza, perdita di appetito, vomito e febbre.

In generale le lesioni cutanee si rilevano tipicamente al di sotto delle articolazioni del carpo/tarso e a livello dei cuscinetti plantari. Iniziano come lesioni focali eritematose per poi evolvere in lesioni erosive superficiali ed ulcere. I segni sistemici in genere seguono di qualche giorno (2-10 giorni) la comparsa delle lesioni cutanee. Con esito quasi sempre infausto in virtù del danno renale.

 

(foto delle lesioni da Holm et al. 2016)

Dal punto di vista ematochimico si rilevano principalmente azotemia elevata, legata all’insufficienza renale, e trombocitopenia. E’ stata esclusa la presenza della Shiga tossina – prodotta da E. Coli e che nell’uomo è concausa della sindrome emolitica uremica – nei reni o nelle feci degli animali affetti.

Istologicamente si osserva una microangiopatia trombotica, che porta alla formazione di microcoaguli a livello dei piccoli vasi sanguinei.

Le uniche diagnosi certe finora disponibili, sono state confermate solo post-mortem.

Quando avere sospetto di Alabama rot?

Si può sospeattere un caso di Alabama rot quando un cane presenta lesioni cutanee (in particolare localizzate alle estremità) e con insufficienza renale acuta senza causa identificabile. Il soggetto in genere presenta elevata azotemia e trombocitopenia.

glomerulo e di un'arteria interlobulare di un cane affetto da CRGV

Microfotografie di un glomerulo e di un’arteria interlobulare di un cane affetto da CRGV, colorate con ematossilina eosina e tricromica di Masson (foto da: Holm et al., 2016).

La conferma del sospetto diagnostico può essere eseguita solo a livello istologico. L’evidenza di una vasculopatia microangiopatica trombotica dei piccoli vasi (rene e cute), associata ad un quadro clinico riferibile, è altamente indicativo della patologia.

Alabama rot in Italia?

Al momento non ci sono dati disponibili sulla presenza/diffusione della malattia nel nostro Paese.

Di recente, in una  lettera apparsa su Veterinary Record,  Walker e altri invitano i veterinari con pazienti che presentano lesioni cutanee ad eziologia sconosciuta a mettersi in contatto con gli autori per discutere dei casi clinici. Per farlo rivolgersi a:

Anderson Moores
Veterinary Specialists
medicine@andersonmoores.com / Tel.  01962 767920

Gli esami di laboratorio saranno eseguiti presso il Royal Veterinary College; i risultati saranno disponibili gratuitamente in 24 ore.

Approfondimenti

Autore

Questo articolo è stato scritto da

Patrizia Danesi

Medico veterinario, lavora dal 2005 presso il laboratorio di Parassitologia – U.O. Micologia presso l’lZS delle Venezie. Dal 2007, dopo aver conseguito il Diploma di Micologia Medica presso l’Institute Pasteur (Parigi), si occupa dell’attività di diagnostica micologica veterinaria. Nel 2014 ha conseguito il PhD sullo studio epidemiologico e la caratterizzazione molecolare di Cryptococcus spp. nel gatto.
pdanesi@izsvenezie.it

Autore: Alda Natale

Veterinario dirigente, lavora nel Laboratorio di sierologia e malattie pianificate presso la SCT3 – Padova e Adria dell’IZSVe, dove si occupa di diagnosi sierologica e virologica delle malattie infettive dei mammiferi e zoonosi, attività di ricerca in ambito zoonosi e sanità animale, analisi per i piani di profilassi nazionali e regionali. Da sempre appassionata di comportamento animale, nel 2014 ha conseguito il titolo di referee in Consulente della relazione felina ed è iscritta al relativo albo SIUA.
Attenzione! IZSVe Pets è un portale rivolto ai medici veterinari professionisti che pubblica contenuti e ospita discussioni di carattere scientifico e clinico nell’ambito della veterinaria degli animali da compagnia.

Se sei un cittadino e vuoi ricevere informazioni e consigli sulla cura del tuo animale domestico ti consigliamo di rivolgerti al tuo veterinario di fiducia!

La policy completa con cui viene gestito il sito è consultabile all’indirizzo: https://www.izsvepets.it/policy/