Malattie trasmesse da vettori nel gatto da Nord a Sud

Malattie trasmesse da vettori nel gatto da Nord a Sud

Le malattie trasmesse da artropodi vettori ematofagi, quali zecche, zanzare e pulci, sono state studiate a lungo nel cane e un po’ trascurate nel gatto, nonostante il suo stile di vita frequentemente all’aperto lo sottoponga al rischio di trasmissione. La presentazione subclinica di queste malattie nel gatto e/o la presenza di manifestazioni cliniche e di laboratorio aspecifiche hanno contribuito a sottovalutarle.

Uno studio epidemiologico recente ha indagato la presenza di Babesia, HepatozoonEhrlichiaAnaplasma, Bartonella, micoplasmi emotropici (emoplasmi) e filarie con metodiche molecolari in 958 gatti provenienti dal Nord (n=556), Centro (n=173) e Sud Italia (n=229).

I campioni di sangue provenivano da varie cliniche e laboratori di analisi, senza essere corredati dallo stato di salute dei gatti o da altre informazioni relative all’utilizzo di antiparassitari. In sintesi una “fotografia” di quanto questi patogeni circolano nel sangue dei gatti e sono pertanto disponibili per i vettori ematofagi.

Micoplasma gatto

Mycoplasma haemofelis, agente dell’anemia infettiva del gatto, in striscio di sangue (clicca sull’immagine per ingrandirla)

Dei patogeni ricercati solo Bartonella (2,4%) e gli emoplasmi (11,6%) erano circolanti nel sangue.

In particolare le specie identificate sono state Bartonella henselae (1,6%) e B. clarridgeiae (0,9%), “Candidatus Mycoplasma haemominutum” (9,9%), M. haemofelis (1,5%) e “Candidatus Mycoplasma turicensis” (0,2%). Una maggior prevalenza si rileva nei gatti maschi, mentre non ci sono differenze significative fra classi di età e provenienza degli animali.

Di questi batteri, l’unico riconosciuto patogeno per la specie felina è M. haemofelis, agente eziologico dell’anemia infettiva felina. Per quanto riguarda gli altri agenti, non sono segnalati casi di malattia nel gatto, sebbene Bartonella henselae abbia un importante ruolo zoonotico quale agente infettivo della malattia da graffio di gatto.

Queste evidenze sottolineano l’opportunità di utilizzare regolarmente presidi antiparassitari, in particolare efficaci nella lotta alle pulci, vettori di bartonelle e micoplasmi emotropici.

Leggi l’articolo su Parasites & Vector »

Gioia Capelli

Veterinario dirigente, è responsabile del Laboratorio di parassitologia – SCS3 Diagnostica specialistica, istopatologia e parassitologia dell’IZSVe. Gioia Capelli si è laureata in Medicina veterinaria all’Università di Bologna e ha conseguito il dottorato di ricerca In Parassitologia e malattie parassitarie presso l’Università di Bari. Dal 1990 al 1994 è stata responsabile del laboratorio di Parassitologia – SCS3 Diagnostica specialistica e istopatologia dell’IZSVe, ruolo che è tornata a ricoprire dal 2004 a oggi. Dal 2016 è direttore del Centro di referenza nazionale per la ricerca scientifica sulle malattie infettive nell’interfaccia uomo/animale. I suoi interessi di ricerca riguardano l’epidemiologia delle malattie parassitarie, con particolare riguardo ai metodi statistici applicati ai dati parassitologici, alla diagnosi delle malattie zoonotiche in animali domestici e selvatici e prodotti derivati, all’ecologia dei vettori e sorveglianza delle malattie trasmesse.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Attenzione!IZSVe Pets è un portale rivolto ai medici veterinari professionisti che pubblica contenuti e ospita discussioni di carattere scientifico e clinico nell’ambito della veterinaria degli animali da compagnia.

Se sei un cittadino e vuoi ricevere informazioni e consigli sulla cura del tuo animale domestico ti consigliamo di rivolgerti al tuo veterinario di fiducia!

La policy completa con cui viene gestito il sito è consultabile all’indirizzo: https://www.izsvepets.it/policy/