Un test per la diagnosi rapida di angiostrongilosi canina

Un test per la diagnosi rapida in ambulatorio di angiostrongilosi canina

Angiostrongylus vasorum è un nematode che vive nell’arteria polmonare e nel cuore destro del cane (oltre che della volpe e altri carnivori), trasmesso con l’ingestione di chiocciole terrestri. E’ una patologia emergente sempre più frequentemente segnalata in Europa, Italia inclusa. I segni clinici includono problemi respiratori, coagulopatie e segni neurologici, con esito spesso fatale se l’infezione non è diagnosticata in tempo.

La conferma diagnostica dell’angiostrongilosi canina non è però facile e si basa sul ritrovamento delle larve nelle feci con metodiche di migrazione e sedimentazione che non possono in genere venir effettuate in ambulatorio, anche perché richiedono personale specializzato per la differenziazione delle larve. Inoltre queste metodiche tendono ad essere poco sensibili nelle infezioni croniche o subacute, in cui l’emissione delle larve è scarsa o intermittente.

Benvenuto quindi il test rapido che ricercatori svizzeri hanno appena messo alla prova. Si tratta di un test immunocromatografico che rileva antigeni circolanti del parassita adulto su siero ed ha mostrato una sensibilità dell’85% e una specificità del 100%.

In pratica se il test è positivo e ci sono segni compatibili con la parassitosi si può procedere alla terapia, mentre se è negativo ma fortemente sospetto occorre approfondire la diagnosi. Dopo il trattamento il siero risulta negativo al test entro 3-7 settimane.

Per approfondimenti

  • valutazione clinica e diagnosi differenziale dell’angiostrongilosi canina:
    Donato Traversa et al., Canine angiostrongylosis in Italy: occurrence of Angiostrongylus vasorum in dogswith compatible clinical pictures, Parasitol Research 2013, 112(7): 2473–2480
    http://goo.gl/BDGt9i
  • dettagli sul test diagnostico
    Schnyder et al., Evaluation of a rapid device for serological in-clinic diagnosis of canine angiostrongylosis. Parasites & Vectors 2014, 7:72
    http://goo.gl/DAjcWx

Gioia Capelli

Gioia Capelli è Direttore Sanitario dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie (IZSVe) dal 14 ottobre 2020. Si è laureata in medicina veterinaria nel 1986 a Bologna e ha conseguito il dottorato di ricerca in parassitologia e malattie parassitarie nel 1989. Dal 1991 al 1994 è stata veterinario presso IZSVe, dove ha istituito il Laboratorio di parassitologia; nel 1994 è passata alla Facoltà di medicina veterinaria dell’Università di Padova, prima come ricercatore e poi come professore associato fino al 2004. Nel 2004 è tornata all’IZSVe come dirigente veterinario, dove nel 2016 è stata nominata direttore del Centro di referenza nazionale/centro di collaborazione OIE per la ricerca scientifica sulle malattie infettive nell’interfaccia uomo/animale. I suoi interessi di ricerca riguardano l’epidemiologia delle malattie parassitarie e delle malattie trasmesse da vettori, in particolare quelle zoonotiche ed emergenti; l’ecologia dei vettori e la sorveglianza delle malattie trasmesse da zecche (Anaplasma, borreliosi di Lyme, TBE virus, Rickettsie), pulci (Rickettsia felis), culicidi (West Nile virus e altri Flaviviridae, filarie) e flebotomi (Leishmania). È autrice di oltre 180 articoli pubblicati su riviste scientifiche internazionali.

Attenzione!IZSVe Pets è un portale rivolto ai medici veterinari professionisti che pubblica contenuti e ospita discussioni di carattere scientifico e clinico nell’ambito della veterinaria degli animali da compagnia.

Se sei un cittadino e vuoi ricevere informazioni e consigli sulla cura del tuo animale domestico ti consigliamo di rivolgerti al tuo veterinario di fiducia!

La policy completa con cui viene gestito il sito è consultabile all’indirizzo: https://www.izsvepets.it/policy/