Due casi di infezione da Minute Virus of Canines – Parvovirus canino tipo 1

Minute Virus of Canines - Parvovirus canino tipo 1

Il Minute Virus of Canines (MVC) o Canine Parvovirus tipo 1 (CPV-1) appartiene alla famiglia Parvoviridae, genere Bocaparvovirus (CBoV). Ad oggi i dati epidemiologici e le conoscenze sulla patogenesi di CPV-1, che corrisponde al genotipo 1 dei Bocaparvovirus (CBoV1), sono limitati.

Questo virus è stato isolato per la prima volta nel 1967 dalle feci di un cane clinicamente sano e si differenzia sia dal punto di vista antigenico, sia genomico, dal più noto Canine Parvovirus tipo 2 (CPV-2), genere Protoparvovirus. In Italia l’ultima segnalazione di CPV-1 risale al 2011, relativamente ad un episodio di alta mortalità neonatale in un allevamento di Jack Russell terrier nel Sud Italia.

In letteratura sono descritti tre genotipi di CBoV (CBoV1, CBoV2, CBoV3). Il CBoV1 è stato correlato a forme subcliniche negli animali adulti, ma è stato ipotizzato anche un ruolo patogenetico in patologie gastrointestinali, respiratorie e cardiache, sia in cuccioli sia in cani anziani. E’ stato anche associato ad aborti o riassorbimenti embrionali in cagne gravide.Il CBoV2 è stato identificato nel 2010 in USA in cani affetti da patologie respiratorie e nel 2013 in Germania in forme gastroenteriche “parvovirus-like”.Il CBoV3 è stato isolato unicamente in USA nel 2011, in un caso di co-infezione con circovirus, in un cane affetto da gastroenterite emorragica, vasculite necrotizzante e insufficienza renale.

Dal 2014 l’algoritmo diagnostico dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie per i casi di sospetta parvovirosi comprende l’analisi sia per CPV-1 che per CPV-2: ciò ha permesso l’identificazione dei due casi di infezione descritti di seguito.

I casi identificati nel nostro territorio

Caso 1 – dicembre 2017: cucciolo femmina di razza maltese

Un cucciolo femmina di razza maltese di due mesi di età mostra sintomi gastroenterici e si sospetta parvovirosi. Il laboratorio riceve un campione di feci, nel quale:

  • si dimostra presenza di Parvoviridae mediante microscopia elettronica;
  • si rileva positività per CPV-1 in real time PCR
  • non si rileva presenza di CPV-2 in real time PCR
  • si isola il virus in coltura cellulare MDCK
  • il ceppo isolato viene sottoposto ad analisi di sequenza della VP1/2 e risulta avere una similarità nucleotidica del 97,5% con un ceppo CBoV1 isolato in Cina nel 2009.

Il cucciolo è sopravvissuto all’infezione.

Caso 2 – gennaio 2018: cane maschio adulto

Cane meticcio adulto

Dal 2014 l’algoritmo diagnostico in IZSVe per i casi di sospetta parvovirosi comprende l’analisi sia per CPV-1 che per CPV-2: ciò ha permesso l’identificazione dei due casi di infezione, uno su un cucciolo di razza maltese, l’altro su un cane adulto ricoverato presso un canile sanitario.

Un cane maschio adulto viene trovato vagante e privo di microchip. Ricoverato presso canile sanitario, è deceduto e il quadro anatomo-patologico mostrava grave enterite emorragica, peritonite fibrinosa e anomalie a livello cardiaco e dell’arteria polmonare.

La carcassa viene conferita dall’ASL con sospetto di parvovirosi. Il laboratorio riceve campioni d’organo (intestino, fegato, rene e milza). Il cane era stato vaccinato 7 giorni prima presso il canile con vaccino contenente un ceppo vivo attenuato di CPV-2. Si rileva:

  • quadro istologico di diffusa enterite necrotica; grave congestione, fibrosi epatica, nefrite cronica e sclerosi multifocale dell’arteria polmonare;
  • presenza di Parvoviridae mediante microscopia elettronica;
  • prova immunoistochimica (IHC) positiva per Parvoviridae;
  • positività per CPV-1 e CPV-2 mediante real time PCR.

La positività per CPV-2 è potenzialmente attribuibile al vaccino somministrato pochi giorni prima, ma non è stato possibile differenziare con certezza se si trattasse di ceppo vaccinale. Il quadro anatomo-patologico comprende processi patologici, in parte cronici (fibrosi epatica) riconducibili a cause diverse da CPV-1, che può giustificare solo in parte il quadro clinico.

L’inoculazione in substrato cellulare MDCK, data la co-infezione virale, non ha portato all’isolamento del ceppo. Di conseguenza l’analisi di sequenza di VP1/2 è stata effettuata a partire dai campioni di organo, con risultato una similarità nucleotidica del 99% con ceppo CBoV1 isolato in Giappone nel 2008.

Analisi filogenetica

analisi filogenetica Minute virus canine

Figura 1. Albero filogenetico della regione nucleotidica VP1/2, costruito mediante ML e modello di sostituzione nucleotidica GTR+F+R5. Le sequenze dei ceppi italiani identificati nel presente studio sono mostrate in rosso, allineate con le sequenze di CBoV1, CBoV2, CBoV3 e dei principali Bocavirus di animali selvatici e domestici (vedi legenda dei colori) depositate in GenBank [clicca per ingrandire]

L’analisi filogenetica (vedi immagine) mostra che i due stipiti virali identificati formano un unico cluster con i ceppi CBoV1 asiatici, europei ed americano, tra cui l’unico ceppo MVC italiano (285_11/2011).

In base ai dati delle distanze nucleotidiche della regione VP1/2 (vedi tabella) è emerso che i due ceppi identificati presentano tra di loro una percentuale di similarità del 96.6%, indicando che in Italia circolano ceppi con caratteristiche genetiche differenti.

Solo il ceppo del 2018 (cane adulto) presenta un’elevata similarità con l’unica sequenza disponibile di MVC italiano (285_11/2011). Il ceppo del 2017 (cucciolo) presenta percentuali di similarità relativamente basse anche con ceppi appartenenti allo stesso gruppo monofiletico. Tali dati potrebbero far ipotizzare una diversità genetica dei MVC circolanti in Italia di notevole entità.

La reale prevalenza di CPV-1 in Italia non è nota e solo una maggiore sorveglianza in corso di sindromi gastroenteriche, ma anche respiratorie e abortigene, potrà fornire informazioni utili sulle caratteristiche molecolari dei virus circolanti in Italia e far avanzare ipotesi circa l’origine dei virus identificati.

Il lavoro è stato presentato al XVIII Congresso Nazionale S.I.Di.L.V, Perugia, 7-9- novembre 2018.

Distanze nucleotidiche

Similarità nucleotidica (%) tra ceppi di MVC della regione nucleotidica VP1/2. I due ceppi italiani, identificati nel presente studio, sono evidenziati in rosso.

Bibliografia

  • Binn LN., Lazar EC., Eddy GA., Kajima M., 1970. Recovery and characterization of a minute virus of canines. Infect Immun 1 (5):503-508.
  • Bodewes R., Lapp S., Hahn K., Habierski A., Förster C., König M., Wohlsein P., Osterhaus ADME., Baumgärtner W., 2014. Novel canine bocavirus strain associated with severe enteritis in a dog litter. Vet Microbiol 174:1-8
  • Decaro N., Amorisco F., Lenoci D., Lovero A., Colaianni ML., Losurdo M., Desario C., Martella V., Buonavolgia C., 2012. Molecular characterization of Canine minute virus associated with neonatal mortality in a litter of Jack Russel terrier dogs. J Vet Diagn Invest 24(4):755-758
  • Kapoor A., Mehta N., Dubovi EJ., Simmonds P., Govindasamy L., Medina JL., Street C., Shields S., Lipkin WI., 2012. Characterization of novel canine bocaviruses and their association with respiratory disease. J Gen Virol 93:341-346
  • Li L., Pesavento PA., Leutenegger CM., Estrada M., Coffey LL., Naccache SN., Samayoa E., Chiu C., Qiu J., Wang C., Deng X., Delwart E., 2013. A novel bocavirus in canine liver. Virol J 10:54-58
  • Manteufel J., Truyen U., 2008. Animal bocaviruses: a brief review. Intervirology 51, 328-334.
  • Ohshima T., Kawakami K., Abe T., Mochizuki M., 2010. A minute virus of canines (MVC: canine bocavirus) isolated from an elderly dog with severe gastroenteritis, and phylogenetic analysis of MVC strains. Vet Microbiol 145: 334-338

Autore: Alda Natale

Veterinario dirigente, lavora nel Laboratorio di sierologia e malattie pianificate presso la SCT3 – Padova e Adria dell’IZSVe, dove si occupa di diagnosi sierologica e virologica delle malattie infettive dei mammiferi e zoonosi, attività di ricerca in ambito zoonosi e sanità animale, analisi per i piani di profilassi nazionali e regionali. Nel 2014 ha conseguito il titolo di referee in Consulente della relazione felina ed è iscritta al relativo albo SIUA. Nel 2018 ha conseguito il titolo di Master di secondo livello in Medicina Comportamentale del Cane e del Gatto con approccio Cognitivo Zooantropologico ed è iscritta all’elenco FNOVI dei Medici Veterinari Esperti in comportamento.

Commenta l'articolo

Il commento sarà approvato da un moderatore della Redazione prima di apparire nel sito. La tua e-mail non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

Attenzione! IZSVe Pets è un portale rivolto ai medici veterinari professionisti che pubblica contenuti e ospita discussioni di carattere scientifico e clinico nell’ambito della veterinaria degli animali da compagnia.

Se sei un cittadino e vuoi ricevere informazioni e consigli sulla cura del tuo animale domestico ti consigliamo di rivolgerti al tuo veterinario di fiducia!

La policy completa con cui viene gestito il sito è consultabile all’indirizzo: https://www.izsvepets.it/policy/