La Malattia di Aujeszky nel cane: casi in Francia, sospetti in Italia

La malattia di Aujeszky nei cani: segnalati casi in Francia, casi sospetti in Italia

Fonte immagine: 4028mdk09 / Wikipedia

Negli ultimi mesi del 2013 in Francia sono stati segnalati casi di Malattia di Aujeszky in cani da caccia (fonte: www.promedmail.org). La prefettura della Mosa (Nord-Est della Francia) ha confermato 3 casi in cani da caccia che sono entrati in contatto con cinghiali nella stessa area ed ha perciò lanciato un’allerta per altre eventuali segnalazioni. Anche in Italia vi sono segnalazioni recenti di casi sospetti pur in assenza di conferma diagnostica di laboratorio (fonte: www.anmvioggi.it)

Malattia e infezione

La Malattia di Aujeszky, nota anche come Pseudorabbia, è causata da un Herpesvirus (alphaherpesvirus) che trova il suo ospite naturale e reservoir nel suino e nel cinghiale, ma può essere trasmessa a molte altre specie di mammiferi, in particolare carnivori, ruminanti ed equidi. Non è una zoonosi, ma è comunque una malattia denunciabile appartenente alla Lista OIE. Esiste un solo sierotipo del virus, ma ceppi diversi sono stati identificati tramite l’utilizzo di specifiche tecniche di laboratorio. In particolare, un ceppo attenuato sembra circolare tra i cinghiali, mantenendo un ciclo epidemiologico separato da quello della malattia nel suino domestico.

I carnivori si possono infettare per ingestione di interiora e/o carne cruda di suino e cinghiale, con il morso o tramite contatto diretto, quindi tipicamente durante la caccia al cinghiale, oppure per contatto diretto con suini infetti in allevamento. I principali segni clinici sono di tipo neurologico e si impone la diagnosi differenziale con la Rabbia, da cui il nome Pseudorabbia. Si possono rilevare encefalomielite, paralisi della laringe e un imponente prurito che può indurre l’animale ad automutilarsi. L’incubazione dura da 2 a 6 giorni e la morte è rapida, entro le 48 ore dall’inizio dei sintomi.

La Malattia di Aujeszky è endemica in varie parti del mondo, ma molti paesi, tra cui USA, Canada, Nuova Zelanda e molti Paesi membri della Comunità Europea hanno completato con successo i programmi di eradicazione, per lo meno nel suino domestico. Ricordiamo che la Malattia è tuttora presente in Italia anche nel suino domestico, nonostante un piano di eradicazione attivo dal 1997 e basato sulla vaccinazione obbligatoria (vedi riferimenti normativi in fondo a questo articolo).

Trattamento e diagnosi

Non esiste un trattamento efficace. L’unica misura protettiva per il cane consiste nell’evitare il contatto con i suidi e l’alimentazione con carne cruda di suino e cinghiale.

La diagnosi di Malattia di Aujezsky nei carnivori si ottiene per ricerca diretta dell’agente:

• biologia molecolare (PCR);
• isolamento virale.

Presso il laboratorio di Virologia Diagnostica – SCT3 Diagnostica in Sanità Animale dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie sono disponibili entrambe le metodiche.

La diagnosi per ricerca di anticorpi è consigliabile solo nelle specie serbatoio, quali suino e cinghiale, per la quali sono infatti previsti Piani di Controllo Nazionale e vari Piani Regionali basati appunto su indagini sierologiche.

Per saperne di più


La malattia
www.oie.int – http://goo.gl/W2TvgD
www.cfsph.iastate.edu – http://goo.gl/i2yCVc

Una mappa interattiva
www.healthmap.org – http://goo.gl/76J0XC

 


Normativa nazionale
www.izsler.it – http://goo.gl/f8BX3j

Normativa Regione Veneto
www.ordinevetpd.it – http://goo.gl/G3Y8g3

Autore: Alda Natale

Veterinario dirigente, lavora nel Laboratorio di sierologia e malattie pianificate presso la SCT3 – Padova e Adria dell’IZSVe, dove si occupa di diagnosi sierologica e virologica delle malattie infettive dei mammiferi e zoonosi, attività di ricerca in ambito zoonosi e sanità animale, analisi per i piani di profilassi nazionali e regionali. Da sempre appassionata di comportamento animale, nel 2014 ha conseguito il titolo di referee in Consulente della relazione felina ed è iscritta al relativo albo SIUA.
Attenzione! IZSVe Pets è un portale rivolto ai medici veterinari professionisti che pubblica contenuti e ospita discussioni di carattere scientifico e clinico nell’ambito della veterinaria degli animali da compagnia.

Se sei un cittadino e vuoi ricevere informazioni e consigli sulla cura del tuo animale domestico ti consigliamo di rivolgerti al tuo veterinario di fiducia!

La policy completa con cui viene gestito il sito è consultabile all’indirizzo: https://www.izsvepets.it/policy/